0 0

Condividi sul tuo social network:

Oppure si può copiare e condividere questo URL

Carciofi alla romana

Cucina:
  • Ingredienti per 4 persone
  • Facile

I carciofi alla romana sono un piatto tipico della cucina laziale. Per fare questa ricetta devono essere adoperati solo ed esclusivamente i carciofi mammole, che essendo più teneri e carnosi meglio si prestano a questa preparazione. Insieme ai carciofi alla giudia, rappresentano il tributo della Capitale a questo fantastico ortaggio che cresce rigoglioso proprio sulle sue terre.

Di seguito vi riporto la mia ricetta, dovrebbe rispecchiare quella tradizionale laziale, e se così non fosse, se ci fosse qualche inesattezza, spero i romani non me ne vogliano!

Il risultato sarà un piatto semplice e  gustoso, il carciofo diventerà  tenero tenero mentre il suo cuore ripieno al pane grattato vi conquisterà donandogli un pizzico di croccantezza  che  conferisce quella marcia in più al vostro piatto…. e che dire del sughino?? Beh non vi resta che mettervi all’opera!

Preparazione

1
Fatto

Cominciamo col pulire e mondare i carciofi eliminando le foglie più esterne.
Tagliare il gambo e, con l’aiuto di un pelapatate, tagliarne via la parte più dura e fibrosa.
Strofinare ogni carciofo con mezzo limone, questo farà sì che non anneriscano.
Porre dunque i carciofi e i gambi puliti in una ciotola d’acqua acidulata col restante limone, solitamente basta un limone ogni 2 lt d’acqua.

2
Fatto

Preparazione farcitura

Realizziamo un trito finissimo con la menta ed il prezzemolo lavati e l’aglio, aggiungiamo il pane grattato ed irroriamo tutto con un generoso filo d’olio. Condire con sale e pepe.
A questo punto non ci resta che riempire i nostri carciofi allargando leggermente le foglie centrali ed introducendo così il composto preparato.

3
Fatto

Cottura

Porre i carciofi ripieni in una pentole dai bordi alti, mi raccomando a testa in giù!
Aggiungere anche i gambi mondati.
Irrorare con abbastanza acqua che vi permetta di ricoprire i carciofi per circa un terzo della loro altezza, condire con un paio di giri d’olio ed il trito avanzato. Salare e pepare, ma mi raccomando, non siate parsimoniosi col pepe, una bella macinata di pepe fresco di mulinello donerà al vostro piatto quell'aroma stuzzicante tipico di questo piatto!

4
Fatto
50 minuti

Coprite la pentola col coperchio e lasciare cuocere circa per 40 minuti aggiungendo altro brodo se necessario.
Completare la cottura per i restanti 10 minuti senza coperchio.

Aggiungi il tuo commento

Risotto piselli e speck
precedente
Risotto piselli e speck
Crostata salata con carciofi e stracchino
successiva
Crostata salata con carciofi e stracchino